Che effetto hanno i TED talk sul modo di fare presentazioni?

Oggi molti di noi hanno occasione di assistere a presentazioni TED, occasionalmente per alcuni, o più frequentemente come nel mio caso. Se no sai di cosa sto parlando ti incoraggio vivamente a visitare il sito TED e guardare almeno un paio di video. Alcuni li mostro durante i miei corsi, o a mia figlia, e fra i miei preferiti c’è sicuramente quello di Sir. Ken Robinson sulla scuola.

La domanda che mi sono posto è: l’esposizione ai TED talk ha cambiato il modo di fare presentazioni? Sì, è una cosa positiva o negativa per chi deve parlare in pubblico oggi?

Se anche tu fai presentazioni ecco alcuni punti che dovresti considerare.

3 punti a cui devi stare attento

Rifinitura. A meno che tu non parli davvero al TED, il tuo pubblico normalmente non si aspetta un presentazione di livello TED (neanche ai TEDx). In ogni caso TED ha alzato l’asticella sia in termini di qualità dei messaggi che di stile di presentazione. Il livello pro è cambiato, ed inconsciamente questo si riflette anche sulle presentazioni di tutti i giorni. In altre parole è più facile sembrare mediocri. Quindi anche tu devi alzare la tua asticella (basta anche solo un poco).

Coinvolgimento. Questo punto può suonare bizzarro, a prima vista la stragrande maggioranza delle presentazioni al TED sono articolare con un oratore che parla ed il pubblico che ascolta. Ciò che intendo è che, sebbene l’interazione con l’audience sia bassa, molti di questi interventi sono particolarmente coinvolgenti da un punto di vista emotivo e concettuale. Idee brillanti, presentazioni avvincenti e ottimi supporti visivi, tutto contribuisce a sollecitare mentalmente il pubblico. Se vuoi anche tu un risultato simile, quello che sicuramente puoi fare è aggiungere lo stesso livello di entusiasmo e passione alle tue presentazioni.

Aspettative. Questo punto è collegato con il primo, visto però dal punto di vista di chi deve parlare. Se guardi molti video del TED potresti diventare troppo critico nei tuoi confronti, o alterare le tue aspettative. È normale, ma non dovrebbe essere così. Vivilo come uno stimolo per migliorare, tieni però tutto nella prospettiva corretta. La preparazione per un intervento al TED richiede molto tempo e molto sforzo, e gli oratori ricevono tutto l’aiuto necessario. Non è lo stesso che una normale presentazione di lavoro.

3 punti inalterati dalle presentazioni TED

Contato le persone. Il nocciolo di un discorso TED è un oratore che trasmette un messaggio e crea un movimento nella mente (e nella pancia) del pubblico. Possono esserci dei video affascinanti, dell’immagini ad effetto, ma quello che davvero conta è la relazione che si forma fra chi parla e l’audience. L’idea e la capacità di scatenare una scintilla nella mente di chi ascolta. I discorsi efficaci muovono la platea. Tutto questo era vero prima del TED, è vero al TED ed è altrettanto valido per le tue presentazioni.

Storytelling. Un buon numero di interventi al TED iniziano con una storia, o sono collegati in qualche modo ad un racconto. Le persone rispondono alle storie, funzionano poiché il nostro cervello lavora per associazioni, e le storie aiutano questo meccanismo, sono ideali per incapsulare un concetto. Lo storytelling è efficace qualunque sia il tuo argomento, che tu sia sul palco del TED o meno.

Visivo. I supporti visivi usati al TED sono di qualità professionale e potresti pensare di non avere il budget, le risorse e le capacità per essere alla stessa altezza. Il fatto è che noi siamo animali visuali, è il senso più importante e devi ingaggiarlo appropriatamente. Senza ricorrere ad uno studio professionale, puoi evitare troppo testo, applicare il giusto design ai dati ed usare le immagini con stile. Ricorda, puoi sempre dipingere un’immagine con le parole (sebbene in questo caso essere la vincitrice del premio nazionale per la letteratura cilena aiuta).

3 punti che sono un bene per te

La formula. Probabilmente nessuno meglio di Chris Anderson può darti un consiglio su come fare un’ottima presentazione al TED. Non c’è una singola formula per essere efficace, un ingrediente segreto è però come a tutti gli interventi migliori dice Chris. Una frase che ricorre spesso nei miei corsi è “Non c’è la risposta del libro di testo”, ci sono invece degli importanti principi da seguire, e le presentazioni più efficaci al TED sono un buon esempio di essi.

Esempi per imparare. Una delle cose più straordinarie delle presentazioni TED è che non devi spendere migliaia di euro e prendere un aeroplano, le puoi vedere comodamente in video. Ogni volta che lo fai hai la possibilità di vedere l’arte di parlare in pubblico applicata: un’esperienza istruttiva. La prossima volta cerca di guardarle con un occhio inquisitivo, cercando di individuare cose che ti piacciono e pensi di poter replicare adattate al tuo stile ed al tuo contesto.

Archivio. Il sito del TED è un archivio fantastico di idee superbe, ma anche un grande contenitori di esempi di parlare in pubblico . Stai cercando il modo migliore per esprimere un certo concetto? Come rappresentare un dato? Come usare una lavatrice nella tua prossima presentazione? Ci sono ottime probabilità di trovare ispirazione fra le migliaia di video!

In conclusione

Credo che TED abbia in qualche modo un impatto sul mondo del parlare in pubblico, sebbene non ne abbia cambiato i principi fondanti. Puoi decidere tu se l’effetto sia positivo o negativo, per me è sicuramente il primo caso come avrai capito dall’elenco appena visto. I punti a sfavore sono minori e possono essere gestiti o mitigati. Quelli positivi invece sono disponibili per essere colti da tutti noi.

Il giudizio finale su TED non c’entra con le presentazioni. Il mondo ha bisogno di grandi idee e che esse vengano diffuse, e per questo TED è un ottimo strumento.

Il piacere di condividere...Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someone